PureSardinia | I NOSTRI VINI
279
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-279,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode_popup_menu_text_scaledown,qode-theme-ver-16.6,qode-theme-bridge,transparent_content,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.1,vc_responsive
vini-pure-sardinia

Vini Pure Sardinia

MOLO A

è un vino bianco ottenuto da una maniacale selezione di sole uve Vermentino provenienti da due diverse vigne, di circa 20 anni di età ognuna, situate nel territorio di Monti (OT) a nord- est della Sardegna in piena Gallura.

I suoli sui quali sono state messe a dimora sono tutti di sabbia da disfacimento granitico, poveri di sostanze organiche, ma ricchissimi di minerali, caratteristiche che donano longevità e complessità aromatica al vino. Da circa tre anni la conduzione delle vigne è di tipo biologico, senza utilizzo di fertilizzanti o concimi di derivazione chimica.
La raccolta dell’uva è stata fatta manualmente in contenitori di plastica ed è stata fatta singolarmente per ogni vigna in due differenti giornate nel mese di settembre 2017.
Le uve conferite sono state lavorate a poche ore dalla vendemmia, raffreddate tramite fascio tubiero per preservarne ed esaltarne i profumi e fatte macerare per un giorno insieme al mosto fiore all’interno della pressa (macerazione pellicolare).

 

La fermentazione e successiva vinificazione è avvenuta singolarmente in serbatoi di acciaio a temperatura controllata per circa 7 mesi con frequenti bâtonnage. Nel mese di Maggio il vino è stato chiarificato tramite decantazione a freddo ed il 14 Giugno 2018 si è proceduto all’imbottigliamento.

CAPO F

è un vino rosso ottenuto da sole uve Cannonau provenienti da due diverse vigne ad alberello di 30 e 35 anni situate nella valle di Oddoène, nel territorio di Dorgali (NU) all’interno del Parco Nazionale del Gennargentu, in Sardegna.

Le vigne sono situate ad altezze diverse ed anche i suoli sui quali insistono sono molto diversi tra loro: sabbia da disfacimento granitico per quella più bassa e calcare per l’altra. Le uve, ottenute in regime di agricoltura biologica non certificata, hanno caratteristiche organolettiche differenti tra loro proprio a causa delle differenti tipologie di terreno, ma sono accomunate dalla stessa resa per pianta, appena 1 Kg.
La raccolta dell’uva è stata fatta nelle prime ore del mattino in due diverse giornate dell’ultima settimana di Settembre 2015, potando manualmente i grappoli e ponendoli all’interno di cassette di plastica dal peso mai superiore ai 9 kg.
In cantina si è proceduto con la diraspatura e la pigiatura dell’uva ed una volta ultimata la macerazione, durata circa 12 giorni con frequenti rimontaggi, si è trasferito il mosto della prima vigna in serbatoi di acciaio a temperatura controllata e quello della seconda in botti di rovere francese da 10 hl.
La vinificazione è continuata per 18 mesi nei due diversi contenitori con frequenti bâtonnage e nel mese di Aprile 2017 è stato deciso il blend definitivo delle due masse: 80% acciaio e 20% legno. Nel successivo mese di Maggio si è provveduto all’imbottigliamento.